.

.

ALF@BETI, ABECEDARI DI IERI E DI OGGI


logoalfabeti1

 

È vero che la lingua italiana è l’unica che si parla esattamente come si scrive? È vero che ci sono parole che richiedono lo schiocco della lingua sul palato? È vero che ci sono libri che si leggono cominciando dall’ultima pagina? È vero che ci sono popoli che non hanno la scrittura? Qual è la lingua più parlata al mondo? Qual è quella più scritta? Chi ha “inventato” il primo alfabeto? Riflessioni e laboratori attorno a queste domande – e a molte altre ancora – nel percorso-laboratorio Alf@beti, abecedari di ieri e di oggi, realizzato dall’Associazione Mani Altri Sguardi.

Il percorso, che ha come tema dominante gli alfabeti “inventati”, codificati e tramandati in diversi paesi e lingue del mondo, non ha la pretesa di essere esaustivo. Del resto sarebbe impossibile rappresentare gli infiniti alfabeti usati dal genere umano per organizzare segni, suoni, parole e significati differenti. La mostra-laboratorio vuole, piuttosto, proporre una riflessione sull’uso delle lingue e dei linguaggi, dando risalto alle loro complessità, alle loro ricchezze, alle loro innumerevoli sfaccettature culturali.

 

IL PERCORSO

La mostra-laboratorio Alf@beti, abbecedari di ieri e di oggi si sviluppa lungo un percorso espositivo articolato in cinque sezioni: segni, immagini, suoni, convenzioni, alfabeti altri. Queste offrono ai visitatori spazi sperimentali finalizzati all’acquisizione di conoscenza attraverso il coinvolgimento attivo (manipolatorio, gestuale, orale, uditivo, visivo).

 

Segni (grafemi)

Le forme (simboli grafici) delle lettere, di qualsiasi alfabeto, sono cariche di forti significati simbolici. Al di là che esse siano maiuscole o minuscole, possiamo considerarle creazioni “artistiche” che attingono all’ambiente che le produce, sia per quanto riguarda la loro valenza estetica che per per quanto riguarda le diverse combinazioni formali e cromatiche.

Principali temi trattati.
Analisi e confronti dei diversi tratti grafici, dei differenti colori, delle innumerevoli espressioni artistiche. Quali sono le caratteristiche grafiche che contraddistinguono le scritture che “viaggiano” da sinistra verso destra, da destra verso sinsistra, dall’alto verso il basso?

 

Immagini

Negli alfabeti, accanto ai simboli grafici, notiamo quasi sempre la presenza di immagini o disegni che rappresentano oggetti, persone, animali, fiori ecc. A volte le lettere che compongono l’alfabeto sono accompagnate da cartoons di nuova generazione, facilmente individuabili e decifrabili dai più piccoli.

Principali temi trattati. Le immagini danno informazioni della vita e dei luoghi nei quali è parlata una lingua. Quali stili di vita raccontano? Quali oggetti di uso quotidiano rappresentano? Quali abitudini alimentari? Quali abbigliamenti? Quale flora e quale fauna? Quali lavori? Quali mezzi di trasporto? Quali strumenti musicali? Quali giochi e giocattoli?

 

Suoni (fonemi)

Dal punto di vista strettamente fonetico, per pronunciare una parola noi emettiamo una serie di “versi”. Il rapporto tra lettere e suoni è altamente convenzionale, sviluppato all’interno di ogni lingua nel corso dei secoli e condizionato da innumerevoli cambiamenti storici (migrazioni), sociali (usi scritti) e più specificatamente linguistici (mutazioni).

Principali temi trattati. È possibile emettere suoni con il naso? Con le labbra? Con la lingua? Con la gola? Ci sono suoni onomatopeici – realativi a diversi contesti naturali e culturali – che diventano parole?

 

Convenzioni

Ciò che dà senso agli alfabeti di tutto il mondo – di qualunque genere – sono le “convenzioni” (codici) in base alle quali una comunità umana decide di chiamare (nominare, contrassegnare, individuare) una cosa, un oggetto, uno stato d’animo con un particolare segno grafico, con un suono, con un’immagine, con un colore.

Principali temi trattati. Si possono ricreare, riformulandole, le convenzioni (codici) che associano un suono a una lettera dell’alfabeto, oppure un insieme di suoni a una parola intera? Quanto sono arbitrarie, mutabili, relative, “culturali” e non “naturali” queste scelte?

 

Alf@beti altri

Per “nuovi alfabeti” intendiamo sistemi organizzati di “segni” alfanumerici, grafici, sonori, gestuali. Per esempio gli alfabeti per non udenti e non vedenti. Oppure gli pseudo alfabeti “codificati” per inviare sms, mms, e-mail che, implicitamente, hanno generato nuovi e originali linguaggi (sistemi di comunicazione).

Principali temi trattati. Gli emoticon possono esssere definiti un alfabeto? Perché si scrivono messaggi sui muri? Per comunicare? Per insultare? Si possono scrivere libri interi sulla base di questi nuovi alfabeti?

 

A chi è indirizzata

Destinatari dell’iniziativa sono in particolare le classi 4e e 5e elementari, le Scuole Medie.

 

PERCORSI IN LINGUA

Su richiesta il percorso è disponibile anche in lingua inglese e spagnola.

 

MATERIALI IN MOSTRA

Pannelli mostra (formato cm 50x70) 30 pezzi
Pannelli mostra (formato cm 29,7x42) 20 pezzi 
Poster originali degli alfabeti pubblicati in diversi paesi del mondo (varie dimensioni) 25 pezzi

Testi scolastici, quaderni, disegni, materiale didattico vario raccolto in diversi paesi dell'Africa, dell'Asia, dell'America Latina e dell'Europa

 

 

alfebetideploiant1 alfabetoposter1
scarica il depliant pdf scarica il poster pdf

 

 

Visita la sezione materiali didattici.

 

L'Associazione Mani Altri Sguardi è disponibile per interventi ad hoc nelle scuole, con modalità didattico-temporali da concordare con gli insegnanti. Per informazioni visita la sezione "servizi per le scuole".

 
 

maopode :: design